Un antico Ecosistema congelato produce flussi di ghiaccio rosso sangue

Un particolare Ecosistema microbico è stato intrappolato per Flussi di ghiaccio sosso sangue prodotto da comunità microbiche antichissimemilioni di anni sono un ghiacciaio nell'Antartico. Questo sistema microbico ha sopravvissuto per oltre un milione di anni sfruttando come combustibile ghiaccio ricco di ferro. Un passaggio che si è casualmente aperto ha fatto riaffiorare alla luce questo spettacolare paesaggio con flussi di ghiaccio rosso-sangue.

La McMurdo Dry Valleys in Antartide è considerata uno dei meno ospitali luoghi sulla Terra, tanto che la NASA la ha utilizzata per simulare le condizioni che potrebbero prevalere su Marte. La zona con poche precipitazioni, e l'acqua presente è attualmente bloccata in antichi ghiacciai formatisi prima che l'uomo abbia fatto la sua comparsa sulla faccia della Terra. Quasi per definizione, ogni essere vivente che riesca sopravvivere in questo ambiente inospitale deve avere caratteristiche molto insolite. Nessuno avrebbe potuto sospettare che vi fosse vita sotto ghiaccio di centinaia di metri di spessore nel settore, se non fosse per il ghiaccio rosso in eruzione che fatto si che alla formazione venisse dato il nome di Blood Falls. Ciò deriva dal colore rosso del ferro concentrato nel ghiaccio, soprattutto allo stato di Fe (II) favorito quando l'ossigeno è assente. Grazie ad un riaffioramento del ghiaccio avvenuto nel 2004, i ricercatori hanno individuato la sua probabile fonte.

Sembra che il blocco di ghiaccio rosso si è spostato da una sacca che esiste a quattro chilometri dal punto terminale del Ghiacciaio, dove il ghiaccio è superiore a 400 metri spesso. Basandosi sulla composizione chimica del materiale intrappolato nel ghiaccio, gli scienziati pensano che la sacca ospiti i resti di un braccio di oceano che si estendeva nella zona durante il Pilocene, conclusosi oltre 1,8 milioni di anni fa.

Una volta intrappolato sotto il ghiacciaio, la sacca è diventata iper-salina e completamente privo di ossigeno libero. Coerentemente con il suo totale isolamento dalla superficie, la quantità di 14C in campione è estremamente bassa. Nonostante il fatto che l'acqua liquida è al di sotto del punto di congelamento dell'acqua pura, questo non sembra aver spaventato la comunità microbica che ha preso casa in queste condizioni estreme.

Coerentemente con l'ipotesi di origine oceanica, i tre quarti delle sequenze di DNA ottenute dalle Blood Falls sembrano provenire da parenti di organismi marini. La maggior parte dei cloni provengono dall'interno del Proteobacteria, e la coltura è in grado di metabolizzare zolfo e ferro. Sembra che questi microorganismi ottengano energia attraverso zolfo nei diversi stati di ossidazione reagendo con il ferro, la produzione di Fe (II) visto nella coltura. Lo zolfo ossidato viene poi utilizzato come reagente con i composti di carbonio, per accendere il metabolismo.

Tutto questo processo producce livelli molto bassi di energia, e i ricercatori suggeriscono che il tempo di raddoppio batterico in questo ambiente sarà di circa 300 giorni e richieda un fonte esterna di Fe (III) per alimentare il sistema. Gli Scienziati suggeriscono che si potrebbe prevedere di estrarre ferro dalle formazioni rocciose sottostanti.

Ambienti bizarri come questo aiutano gli scienziati che ritengono le prospettive di vita su altri pianeti e lune possibile. Ma questo specifico esempio può dirci qualcosa su come sia riuscita a persistere la vita sulla Terra durante la Glaciazione Globale del Neoproterozoico. Questi materiali congelati possono essere
stati congelati negli oceani, ma le Blood Falls suggeriscono che la vita potrebbe avere un metabolismo indotto in queste condizioni estreme, che potrebbe fornire materie prime per l'evoluzione del pianeta, una volta riscaldato di nuovo.

Prova i nostri Servizi


Resta aggiornato sul mondo Green. Iscriviti alla Newsletter.

In omaggio riceverai in omaggio nella prossima newsletter l'articolo governativo che dimostra perché in Italia si vogliono affossare le Rinnovabili!

0 comments