Parità Euro Dollaro. Come Influenza il Mercato del Fotovoltaico?

Come è noto quasi tutte le principali materie prime per il Fotovoltaico provengono dall'Asia. In particolare circa l’80% di celle fotovoltaiche utilizzate a livello mondiale provengono dall’Asia (Cina, Taiwan e Malesia) che sono soliti commerciare in Dollari. Tutti i principali produttori mondiali del Fotovoltaico sono dunque in enorme fibrillazione a causa dell'ormai di fatto raggiunta parità del Dollaro americano sull’Euro

Siamo passati in pochi mesi da un rapporto di 1,35 Dollari per 1 Euro al cambio di oggi di 1,06 Dollari per 1 Euro ovvero quasi parità di cambio Euro Dollaro. 

Come influenza il mercato del fotovoltaico una situazione di parità Euro Dollaro? Le materie prime (silicio), i semilavorati (wafer e celle) ed i prodotti finiti (moduli) provenienti dall’Asia, stanno subendo un incremento di prezzo naturale a causa di un cambio sfavorevole dell'Euro rispetto al Dollaro comparato a quelli che erano i cambi di qualche mese fa. Questo comporta ovviamente un aumento del costo al dettaglio dei prezzi del Wp del fotovoltaico.

Ma come se non bastasse il 1 Aprile l’Unione Europea ratificherà il nuovo prezzo minimo imposto per l’importazione dei moduli Cinesi. Vedremo i principali produttori a livello globale (Europei) incrementare i prezzi tra 0,01€/W fino a 0,04€/W nei prossimi mesi per effetto della Parità Euro Dollaro.

Oltre ai prezzi dei moduli fotovoltaici potrebbero aumentare anche i prezzi degli inverter per gli stessi motivi di cambio Euro/Dollaro che stanno penalizzando i produttori asiatici. La maggior parte della componentistica degli Inverter, anche prodotti in Italia o in Europa, è di origine asiatica o statunitense che commerciano in Dollari.

Si prevede pertanto nei prossimi mesi un aumento medio dei costi di realizzazione degli impianti fotovoltaici.

Come si dice: piove sempre sul bagnato.

Tu che ne pensi?

Prova i nostri Servizi


Resta aggiornato sul mondo Green. Iscriviti alla Newsletter.

In omaggio riceverai in omaggio nella prossima newsletter l'articolo governativo che dimostra perché in Italia si vogliono affossare le Rinnovabili!

0 comments