Renzi non Dice La Verità Sulle Energie Rinnovabili e il Fotovoltaico

Energie Rinnovabili e Fotovoltaico? Obiettivi al 2020 raggiunti! 
Questa è una costante litania ha accomunato in questi ultimi mesi vari esponenti del governo Renzi, impegnati nel cercar di convincere gli italiani che, in fatto di salvaguardia del clima, il nostro Paese ha già raggiunto gli obiettivi fissati dall'Europa per il 2020 ben prima della scadenza.
Oltre al fatto che questa posizione mostra come in Italia la questione climatica non sia affrontata in modo strategico - e che l'obiettivo principale per chi deve decidere in tema di energia e clima è troppo spesso difendere settori di interesse nel campo delle fonti fossili - questa litania si basa su dati sostanzialmente scorretti.
Lo evidenzia con efficacia, nel numero in uscita su Qualenergia, G.B. Zorzoli, uno dei maggiori esperti del nostro Paese in tema di energia, nonché presidente del Coordinamento FREE che raccoglie associazioni delle fonti rinnovabili e diverse sigle ambientaliste.
Zorzoli spiega con precisione che, se l'obiettivo fissato per il 2020 dal piano d'azione per le energie rinnovabili "è stato già raggiunto con anni di anticipo", è in gran parte merito di un recente ricalcolo ISTAT del consumo di legna nel 2010, anno preso come punto di partenza per le stime. È emerso infatti che nel 2010 in Italia è stato utilizzato un quantitativo di legna da ardere pari a due volte e mezza la stima iniziale riportata dal Piano d'azione: 7,7 Mtep (milioni di tonnellate equivalenti di petrolio) invece che 2,2.
Una costante litania ha accomunato in questi ultimi mesi vari esponenti del governo Renzi, impegnati nel cercar di convincere gli italiani che, in fatto di salvaguardia del clima, il nostro Paese ha già raggiunto gli obiettivi fissati dall'Europa per il 2020 ben prima della scadenza.
Oltre al fatto che questa posizione mostra come in Italia la questione climatica non sia affrontata in modo strategico - e che l'obiettivo principale per chi deve decidere in tema di energia e clima è troppo spesso difendere settori di interesse nel campo delle fonti fossili - questa litania si basa su dati sostanzialmente scorretti.

Lo evidenzia con efficacia, nel numero in uscita su Qualenergia, G.B. Zorzoli, uno dei maggiori esperti del nostro Paese in tema di energia, nonché presidente del Coordinamento FREE che raccoglie associazioni delle fonti rinnovabili e diverse sigle ambientaliste.
Zorzoli spiega con precisione che, se l'obiettivo fissato per il 2020 dal piano d'azione per le energie rinnovabili "è stato già raggiunto con anni di anticipo", è in gran parte merito di un recente ricalcolo ISTAT del consumo di legna nel 2010, anno preso come punto di partenza per le stime. È emerso infatti che nel 2010 in Italia è stato utilizzato un quantitativo di legna da ardere pari a due volte e mezza la stima iniziale riportata dal Piano d'azione: 7,7 Mtep (milioni di tonnellate equivalenti di petrolio) invece che 2,2.

Prova i nostri Servizi


Resta aggiornato sul mondo Green. Iscriviti alla Newsletter.

In omaggio riceverai in omaggio nella prossima newsletter l'articolo governativo che dimostra perché in Italia si vogliono affossare le Rinnovabili!

0 comments